↑ Torna a Specializzazioni

Approccio cognitivo-comportamentale

L’approccio cognitivo – comportamentale (CC) alle problematiche psicologiche si fonda sui risultati della ricerca scientifica, che hanno mostrato l’esistenza di una stretta connessione tra pensieri, emozioni e comportamenti dell’uomo. In altre parole molti dei nostri problemi sono mantenuti in vita da ciò che facciamo e pensiamo nelle varie situazioni quotidiane. Modificando pensieri e comportamenti nel presente e’ quindi possibile liberarci da problemi che ci affliggono da una vita. Questo non facile obiettivo può essere raggiunto utilizzando: 1. Il metodo cognitivo che ha lo scopo di aiutare ad individuare e correggere i pensieri negativi (cognizioni) che spesso accompagnano e sono causa di emozioni spiacevoli (dolore, sconforto, paura).2. Il metodo comportamentale, che ha lo scopo di modificare i comportamenti fonte di sofferenza e di aiutare il cliente ad imparare nuovi modi per affrontare le situazioni problematiche. L’intervento cognitivo-comportamentale è:
– Centrato sul problema: cliente e psicologo lavorano insieme per trovare soluzioni concrete ai problemi fonte di disagio, cercando d’individuare i motivi per i quali questi si mantengono.
– Breve: raramente sono previste più di 30/40 sedute, ed alcune problematiche come l’insonnia richiedono meno di 10 incontri. Generalmente le sedute durano circa un’ora ed hanno frequenza settimanale.
– Attivo: il cliente lavora anche e soprattutto al di fuori della seduta, per mettere in pratica le strategie apprese durante la consulenza, con esercizi da compiere a casa.
– Scientificamente validato: numerosi studi ne hanno dimostrato l’efficacia in termini di riduzione dei sintomi. Nel caso di alcuni problemi come la depressione ed i disturbi ansiosi, è risultato efficace quanto i farmaci ed addirittura più utile di questi nel prevenire le ricadute.
– Non farmacologico: non è previsto l’utilizzo di farmaci anche se, in alcuni casi e per brevi periodi, questi possono essere somministrati dal medico per facilitare l’intervento C-C.